Pescara

Pescara, se pur moderna, vanta edifici religiosi di pregio come la cattedrale di San Cetteo o Tempio della Conciliazione, edificato nell’occasione della stipula del concordato dell’Italia fascista con la chiesa cattolica, la magnifica basilica della Madonna dei Sette Dolori, in stile neoclassico e con un’illuminazione molto suggestiva dovuta a vetrate policrome attraverso le quali filtrano i raggi solari che creano particolari effetti di luce, e la Madonna del Fuoco, importante esempio di architettura pescarese del XIX secolo, oltre al Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio, con gli oggetti cari al poeta. Nelle zone interne sono degni di una visita diversi castelli. In particolare si consiglia di vedere quello di Anversa degli Abruzzi – località nella quale D’Annunzio ambientò la tragedia La Fiaccola sotto il moggio, situata all’imbocco delle Gole del Sagittario – meglio noto come Castello dei Conti di Sangro (o dei Conti di Belprato), edificato dai Normanni nel XII secolo, ma ristrutturato a più riprese nei secoli successivi; i ruderi di Castelfraiano a Castiglione Messer Marino, il cui impianto originario risale al XII secolo; il Castello o Palazzo dei Conti Baglioni a Civitella Messer Raimondo, di evidente origine medievale, ma oggetto di numerosi rimaneggiamenti; il Castello di Caldora a Vasto, edificato su una struttura preesistente nella prima metà del XV secolo dal signore della città Giacomo Caldora.